Un sogno in Sicilia

INDIETRO

Un sogno in Sicilia
un documentario di Fabio Grossi
realizzato in collaborazione con Ottavio D’Urso
da un’idea di Fabio Grossi e Mimmo Verdesca
fotografia e montaggio Ottavio D’Urso
musiche di Germano Mazzocchetti
organizzazione generale Giovanna Princiotta
con Adriano Di Bella, Luca Iacono, Marina La Placa, Liliana Lo Furno
e la partecipazione di Giuseppe Dipasquale, Leo Gullotta, Sarah Zappulla Muscarà

 

Un gruppo di giovani attori siciliani lavorano insieme per portare in scena un “Sogno”. Che non è solo quello della commedia di Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate in cui sono impegnati, ma è il sogno di ognuno di loro di compiere un’esperienza straordinaria nella terra in cui sono nati e dove vivono e lavorano.

Fabio Grossi, il regista dell’allestimento, lo racconta nel documentario Un sogno in Sicilia, che ha realizzato in collaborazione con Ottavio D’Urso ed è stato proiettato in prima visione al Teatro Musco di Catania.

I giovani attori Adriano Di Bella, Luca Iacono, Marina La Placa e Liliana Lo Furno sono al centro del documentario che vede la partecipazione del direttore dello Stabile, Giuseppe Dipasquale, dello staff dirigenziale e tecnico del teatro, della studiosa Sarah Zappulla Muscarà e, naturalmente, del protagonista dello spettacolo Leo Gullotta e della Compagnia. Da citare altresì la collaborazione dell’Opera dei Pupi Teatro Emanuele Macrì di Acireale.

Un sogno in Sicilia è insomma un’occasione unica per conoscere come si prepara uno spettacolo teatrale e viverlo dal di dentro attraverso le aspettative, le speranze, i desideri, le paure e le gioie di ognuno dei nuovi talenti, chiamati ad esprimersi in una sede storica qual è da sempre quella del Teatro Stabile di Catania.

Proprio attraverso il loro Sogno capiremo come e quanto il mestiere dell’attore non sia solo l’apparire o il rappresentarsi, in una città, bella e complicata, come Catania e dando modo ancor meglio di conoscere il Teatro di questa comunità, che ha saputo impreziosire palcoscenici nazionali ed internazionali con le sue produzioni. Nel loro percorso giornaliero, incontreranno delle “eccellenze” che, prendendo spunto dai ragazzi, ci racconteranno le loro esperienze e le loro realtà. Questo documentario non è connotato dal sapore delle fiction ma da quello della cronaca, rispettando la realtà di ognuno dei quattro protagonisti e del territorio dove essi vivono.

 

 

 

TUTTI I LAVORI